Romain Blanquart

Nato in Francia, cresce fra Tahiti e l'Italia ed ora risiede a Detroit. Dopo gli studi di fotografia al Rochester Institute of Tecnology negli Stati Uniti decide che il miglior modo per migliorare la sua tecnica è lavorare come fotografo per quotidiani, dove bisogna risolvere quotidianamente e sopratutto con scadenze brevi innumerevoli problemi d' esposizione grafica. Negli ultimi sei anni è stato fotografo per la Detroit Free Press, e dove è stato avvalso per due volte, del titolo di fotografo dell'anno del Michigan. Ha ricevuto inoltre numerosi riconoscimenti da "Best of Photojournalism", da "The Society for News Design", dall'Associated Press e il premio "Edward J. Meeman" per il miglior reportage e documentario sull'ambiente. Il suo libro "One" e stato nominato come il miglior libro di fotografia al New York Photo Festival nel 2008. Romain crede nel potere della fotografia di far riflettere le persone riguardo al loro ruolo nel mondo. La fortografia può educare, può unire la gente, può portare la mente fuori dallo stress. Può aiutarci a trovare l'energia e la forza di lasciarsi alle spalle le necessità quotidiane. Aprire la mente attraverso la compassione del mondo in cui viviamo. Guardiamo verso il Sole e ciecamente chiudiamo gli occhi per vedere alla fine colori e forme che possono essere intrepretate come una varietà di cose che dipendono dalla nostra mente. La fotografia può imprimere nella mente immagini che riaffiorano guidando i nostri pensieri e azioni, agendo sul nostro inconscio. Romain sta attualmente lavorando ad un progetto documentario su Detroit in collaborazione con il fotografo americano Brian Widdis.

Esposizioni 
24/07/2010 to 20/08/2010
Capri: il Paradiso può attendere...
Anacapri
Mostra collettiva
27/03/2010 to 24/04/2010
La recherche du Paradis
Giosimoarte, Milano

Critica

  • Luca Lanzoni

    Recherche du Paradis ››

    Frames in bianco e nero. Annotazioni di viaggio raccolte in slides-show. Come impressioni su carta fotografica scritte con il ticchettare del click dell’otturatore usato al posto della tastiera di una macchina da scrivere (o meglio del computer)...